martedì 3 luglio 2018

OFFICIAL BLOG


IMPORTANT ALERT!
THE OFFICIAL WEB SITE OF MESSERSCHMITT IS 
www.messerschmittheavymetalfighters.it/

...THIS IS ONLY A BLOG EDITING BY FRANCESCO RIFFMACHINE


Data di formazione: 1983
Stato: in attività (2017)
Provenienza: Roma 
Genere: Heavy Metal


Messerschmitt: origini e motivazioni sulla scelta di questo monicker




Componenti attuali (2017): Francesco "riffmachine" Ciancaleoni (chitarra), Fabrizio "ace" Appetito (chitarra), Luca "frankenfurter" Loreti (voce), Luca "the animal" Federici (batteria),   Mario "the drill" Ghio (basso)

Ex membri:
Baffo Jorg (voce), Fabio D'Olimpio (basso), Francesco Menna (batteria), Alessandro Chiadroni (basso), Andrea Strappetti (voce), Claudio Mottola (basso), Matteo Moriconi (batteria), Walter Scoccia (basso), Flavio Falsone (voce)





NEWS

MESSERSCHMITT - RAISING HELL IS COMING!




E' finalmente in stampa RAISING HELL, il primo full lenght in studio dei Messerschmitt. La presentazione al pubblico è prevista per fine settembre 2018
Il CD, prodotto in collaborazione con Fabio Lanciotti e la Metal Zone sarà disponibile in versione digipack (tiratura limitata) al prezzo di 10 €. Potete prenotarne una copia scrivendo a questo indirizzo: gf.belisario@gmail.com

RAISING HELL... dall'inizio alla fine... puoi leggere la genesi del CD raccontata passo passo da Francesco Riffmachine in questa sezione del blog!




It is finally in print RAISING HELL, the first full length of Messerschmitt. The realease day is scheduled for the end of September 2018. The CD, produced in collaboration with Fabio Lanciotti and Metal Zone will be available as a digipack (limited edition) for € 10. You can reserve a copy by writing to this address: gf.belisario@gmail.com



MESSERSCHMITT - RAISING HELL! 
We don't know if there are going to be other Messerschmitt records, for sure, no other will be waited like this one! 





BIOGRAFIA                                              

I Messerschmitt nascono a Roma nel 1983, dalle ceneri degli Zelloffen, band fondata dai chitarristi Fabrizio Appetito e Francesco Ciancaleoni, in cui ha militato come cantante Giuseppe Zappimbulso (alias Baffo Jorg), indimenticabile animatore della scena metal romana. Dopo un breve periodo di attività (che porta alla realizzazione di un demo tape di 4 brani) gli Zelloffen decidono di cambiare nome in Messerschmitt; con il nuovo monicker il quintetto (che successivamente vedrà l’ingresso di Andrea Strappetti alla voce) si guadagna notorietà nell'ambito della scena metal romana che in quel periodo muoveva i suoi primi passi. Dal 1983 al 1985 i Messerschmitt affrontano una intensa attività live, partecipando anche a manifestazioni e trasmissioni radiofoniche e televisive (compresa una esibizione in diretta nel programma televisivo “Tandem”, in onda sul secondo canale della RAI), evolvendo il proprio stile musicale sino a proporre un heavy metal di stampo classico, ispirato a nomi quali Iron Maiden, Judas Priest e Saxon. Nel 1984, dopo l’ingresso di Andrea Strappetti dietro al microfono, la band incide un nuovo demo contenente 5 brani. Il prodotto, tuttavia, finisce per non rappresentare a pieno il sound che caratterizzerà, invece, i Messerschmitt nel biennio successivo, in cui è possibile riscontrare maggiormente connotati tipici del profilo sonoro della NWOBHM. Più maturo e coerente con l’evoluzione della band è quindi il singolo dal titolo “Heavy Metal Fighters”, registrato nel 1985 presso il Kamelot studios di Roma. Purtroppo, nonostante il vasto repertorio prodotto nel biennio 1984-1985 abbia consentito alla band di esibirsi come headliner in numerosi live, i Messerschmitt non riescono a realizzare il full lenght che avrebbe potuto consacrarli nell'ambito della scena metal italiana di quel periodo, e nei primi mesi 1986 giungono allo scioglimento. La fervida attività live negli anni '80, tuttavia, vale al quintetto un seguito ed una credibilità di tutto rispetto nell'ambito del metal underground capitolino. Il ruolo dei Messerschmitt nella fase pionieristica del metal romano e nazionale è oggi testimoniato, tra l’altro, nel volume "Italian Metal Legion 1980-1991, the Days of Dream" di Gianni Della Cioppa (uscito nel 2005), cosi come nel più recente "Anni di Metallo" di Andrea Ciccomartino (2013), libro pubblicato unitamente ad un cd contenente alcuni brani tra i più significativi della scena metal romana degli anni '80 (tra cui il citato “Heavy Metal Fighters” dei Messerschmitt). Nel settembre del 2007, grazie una session organizzata per puro divertimento, la band torna in attività (con i 4/5 della line-up del 1985), ma dopo un primo tentativo di reunion, che durerà solo pochi mesi, è nel dicembre del 2011 che il trio Ciancaleoni, Appetito, Strappetti decide di riprovarci sul serio, con Matteo Moriconi alla batteria e Walter Scoccia al basso. Con questa formazione, il 28 settembre 2012, a 29 anni dalla loro fondazione, i Messerschmitt tornano sulla scena. Il gruppo riprende ad inserirsi pressoché stabilmente nel circuito live romano, proponendo un repertorio composto da brani storici riarrangiati e da pezzi nuovi. Nuovo cambio di line-up nella sezione ritmica nell’estate del 2013, con l’ingresso di Luca Federici alla batteria e di Mario Ghio al basso; con la nuova formazione i Messerschmitt, nel giugno 2014, registrano la cover di “Deuce” dei Kiss per la compilation allegata al libro “Kissed by Kiss” di Andrea Ciccomartino. Nell’estate del 2014, Andrea Strappetti si trova costretto a lasciare la band e lo storico singer viene sostituito da Flavio Falsone (già cantante dei Whisperz). Nonostante l’ingresso ufficiale di Flavio Falsone alla voce, nel novembre 2014 i Messerschmitt registrano una testimonianza della lunga collaborazione con Andrea Strappetti, incidendo con lui (presso la Bottega del Suono di Fabio Lanciotti) quattro brani (“Heavy Metal Fighters”, “Resurrection”, “Shape The Steel” e “Heroes Of The Rising Sun”). Nel marzo 2015, per la Ace Records, queste quattro canzoni, insieme ai cinque brani del demo del 1984 e ad uno tra quelli del demo del 1983 degli Zelloffen, confluiscono in un vinile a tiratura limitata dal titolo “Heavy Metal Fighters” che costituisce quindi una raccolta del materiale storico della band. In attesa della pubblicazione del primo vero album in studio, i Messerschmitt si autoproducono, in collaborazione con la Metal Zone di Gianfranco Belisario, il CD live “Naked Truth - Live@closer” in cui trovano spazio 8 brani registrati durante il concerto tenutosi Roma, al Closer live club, il 27 febbraio 2015, e che viene pubblicato nel settembre 2015. Il brano “Heroes Of The Rising Sun” (nella versione aggiornata della voce di Flavio Falsone) è stato incluso nella compilation sul metal romano “Metal Years vol. 1” (Ace records/Celtic Moon Records) pubblicata il 23 ottobre 2015. Il brano Heavy Metal Hero compare, invece, nella compilation Metal Years Vol. 2 (Ace Records/Celtic Moon Records) pubblicata nel febbraio 2017. Nell'aprile del 2017 Luca "frankenfurter" Loreti è entrato nella band prendendo il posto di Flavio Falsone alla voce. Tra le apparizioni live della band post-reunion, meritano una citazione l’apertura del live dei Tygers of Pan Tang a Roma (26 febbraio 2015),  la partecipazione alle tre date del “Valkyries upon Italy Tour” con gli epic metallers Battleroar nel gennaio 2016 (Roma, Napoli e Milano) e quella alla data romana del tour europeo dei Dexter ward (23 ottobre del 2016). Attualmente la band è al lavoro per la produzione del suo primo full lenght la cui pubblicazione è prevista per il 2018.


DISCOGRAFIA:

- Messerschmitt (demo auto prodotto) – 1984
- Heavy Metal Fighters (singolo auto prodotto) – 1985 (presente anche nella compilation allegata al      libro "Italia di Metallo" – 2013)
- Deuce (Kiss cover) – presente nella compilation allegata al libro "Kissed by Kiss" (A.   
  Ciccomartino) - 2014
- Messerschmitt – Heavy Metal Fighters (LP - vinile), Ace records – marzo 2015
- Messerschmitt – Naked Truth Live@closer (CD live), Metal Zone – settembre 2015 
- Heroes of the rising sun (Kamikaze), singolo presente nella compilation Metal Years Vol. I (Ace           Records/Celtic Moon Records) - ottobre 2015
- Heavy Metal Hero, singolo presente nella compilation Metal Years Vol. 2 (Ace Records/Celtic Moon   Records) - febbraio 2017




Seguiteci passo passo nel nostro 

DIARIO DI BORDO (dal 22/02/2012 al 20/12/2017)

DIARIO DI BORDO II  (dal 21/12/2017)

(parole in libertà sulla vita della band a cura di Francesco Riffmachine)




-------------------------


Qui tutti i nostri testi: LYRICS




-------------------------- 


PROSSIMI APPUNTAMENTI LIVE




SABATO 9 GIUGNO 2018

FuckSia Summer
Via Appia Antica, 18 
Roma






Link all'evento su Facebook



















domenica 1 luglio 2018

MESSERSCHMITT – RAISING HELL


Questa è la storia dettagliata (anche troppo!) della genesi di RAISING HELL, il primo vero disco in studio dei Messerschmitt

L’obiettivo di questo lungo racconto, destinato si più ai curiosi per natura e ai veri fans dei Messerschmitt, è quello di testimoniare cosa significa produrre un disco di musica originale da parte di una band underground. Il racconto attinge al blog, curato da Francesco Riffmachine, in cui sono raccolte, durante tutto il lungo periodo di lavorazione del disco durato due anni, tutte le sensazioni provate dalla band, raccontando (quasi sempre “a caldo”) le varie fasi, i continui rinvii, i ripensamenti ma anche il grande entusiasmo che ha accompagnato la produzione di questo CD.

Ladies and Gentleman, ecco a voi, nudi e crudi, i pensieri e i fatti che hanno portato alla pubblicazione di RAISING HELL, preceduti da una frase che sintetizza tutto quello che leggerete dopo:

We don't know if there are going to be other Messerschmitt records, for sure, no other will be waited like this one



I lavori del primo full lenght in studio dei Messerschmitt sono iniziati nel febbraio del 2016, praticamente all’indomani del mini tour con in Battleroar. La sfida, iniziata concettualmente dopo la pubblicazione del CD live Naked Truth (2015), è stata quella di proporre solo brani nuovi, evitando di pescare nel vasto materiale da tempo nel cassetto della band.
Per tutta la primavera e l’estate del 2016 abbiamo lavorato alle registrazioni su quello che ritenevamo sarebbe stato il materiale del disco, la cui uscita, nelle nostre aspettative, era fissata entro la fine dell’anno.
Con questo obiettivo il 2016 ha visto un minore impegno della band nell’attività live, ma un grande lavoro organizzativo ed artistico sulla produzione del disco. Oltre ai ruoli consolidati di Fabio Lanciotti come producer e di Gianfranco Belisario come responsabile del management, è di questo periodo la nostra decisione di avvalerci di diverse collaborazioni finalizzate alla produzione e promozione del disco, tra cui quella con la MMFactory per la comunicazione Web, quella con Giampiero Wallnofer per la cover art, quella con Umberto Tamilio “Umbozzy” per alcuni effetti di contorno e quella con Raimondo Sperlonga per la supervisione dei testi e delle linee vocali.

Nel maggio del 2016 ci siamo trovati con un cantiere aperto e impegnati sul disco in un modo nuovo.
Dal blog:
…Abituati a fare tutto da soli (come gran parte delle band underground), passare ad un metodo che prevede condivisione e co-partecipazione con elementi esterni alla band è un grande salto, ma spesso si risolve anche in una buona dose di ansia. Non vi nascondo che io per primo, forse per la prima volta, ho toccato con mano questo problema (eruzioni cutanee, condivise con Flavio, colite, problemi a prendere sonno e stanchezza cronica), perché il demandare equivale ad una perdita di controllo e gestire la tempistica di un lavoro sulla base dei tempi e delle disponibilità degli altri, diventa faticoso quanto sorprendentemente appagante per la "ricchezza" di nuovi spunti e contenuti che confluiscono nel prodotto finale. Facendo un punto ad oggi, inizio col dire che abbiamo ricevuto una prima bozza di copertina, da parte del disegnatore che abbiamo incaricato (ancora non rivelo il nome ma si tratta di un personaggio noto nell'ambito del fumetto e della grafica con molta esperienza alle spalle), oltre ad alcune proposte di revisione di linea vocale da parte di Raimondo Sperlonga che ci hanno entusiasmato. Tutto questo mentre la band è impegnata in sala prove, dove stanno avendo luogo sessioni a ranghi completi sull'arrangiamento finale dei 4 pezzi più nuovi, oltre a sessioni "a ranghi ridotti" per mettere a punto alcune cose sui primi 4 pezzi prima di andarle a registrare. Stiamo rivedendo tutte le parti di chitarra in funzione del disco, i riff vengono scomposti in funzione della possibilità di registrare diverse linee su tracce separate. Anche sulla voce il lavoro è quello di dare risalto ad ogni singola parola, alla sua corretta pronuncia ed intonazione. Aggiungiamo a questo un altro aspetto, che è la cura degli effetti audio che "guarniranno" il disco (alcuni intro e rumoristica varia) gentilmente "offerti" da Umberto Tamilio alias Umbozzy! Umberto si è reso subito disponibile ad occuparsi di questa cosa e ha fatto un gran lavoro e siamo molto contenti di aver potuto usufruire della sua creatività per costruire brevi ma intense sequenze audio.

Nel giugno 2016, sulla base della mole di lavoro da completare, abbiamo cominciato ad “intravedere” l’opportunità di rinviare l’uscita.
Dal blog:
…Una riflessione va fatta sul cambiamento di metodo che ha caratterizzato la nostra attività negli ultimi mesi e che ha comportato un salto in avanti in termini qualitativi ma anche qualche sfilacciatura nei tempi di adeguamento di una band abituata a gestire tutte le cose in casa. Dopo aver demandato alcune decisioni manageriali all'amico Gianfranco Belisario, ora ci troviamo seguiti per la parte musicale da Fabio Lanciotti e da Ray Sperlonga, mentre per la grafica abbiamo incaricato Giampiero Wallnofer e Bobby Galluzzi.  Il tutto si traduce complessivamente nella gestione di situazioni che esulano dal completo controllo della band. Bisogna considerare l'impatto psicologico di questo passaggio, visto che per alcuni è stato particolarmente duro da accettare e da comprendere a pieno. I ritardi vanno imputati in parte proprio a questo aspetto (le cose non dipendono più solo da noi...) ma anche ad un generale calo di tensione, fisiologico quando si perde il contatto col palco, che ci ha visto leggermente flettere in termini di disponibilità per le prove e per altre attività. Non c'è da preoccuparsi, è abbastanza naturale, “l'attaccamento ai colori” e l'entusiasmo è alto per tutti i componenti, ma resta difficile coordinare un attività complessa (come è ora...) rispetto ad altre, tipo famiglia, lavoro, salute e, diciamolo, impegni con altre band. Non si tratta di una lamentela ma solo di una considerazione oggettiva… avremmo bisogno di più tempo in sala prove e non riusciamo a trovarlo con la facilità di prima. La conseguenza sarà un allungamento nei tempi dell'uscita del disco, ma, speriamo, non una caduta di qualità del prodotto!

Nel luglio del 2016, poco prima della pausa estiva, si manifestano le prime difficoltà a conciliare il materiale disponibile con l’obiettivo di produrre un disco dalle sonorità più attuali.
Dal blog:
…Da ieri sera la band è ufficialmente in vacanza, ma nell'ultima prova abbiamo assestato un bel colpo agli arrangiamenti di Once Again e Brakeless che continuavano a rimanere legati ad una impostazione troppo “ottantiana”. Con la collaborazione di Ray Sperlonga per le linee vocali, ma anche per nostra volontà (condivisa dal nostro producer Fabio Lanciotti e dal nostro management), il nostro materiale sta virando verso uno stile più moderno e per coerenza, nell'ambito del disco, abbiamo dovuto apportare modifiche a diverse parti ritmiche e anche alla scrittura di alcuni riff. Pezzi come The Final Score ne sono usciti completamente trasformati ma siamo curiosi (oltre che sicuri delle scelte fatte) di vedere come il pubblico accoglierà queste "modernizzazioni". Non si tratta di modernismo ma solo di rivisitazione odierna (intendo alla luce dell'evoluzione della nostra espressività... non della volontà di seguire mode o tendenze del momento) di materiale composto avendo in mente gli eighties, ma che oggi pensiamo di poter proporre in modo diverso, senza temere il confronto con il metal più aggressivo e tecnico che caratterizza ormai la scena odierna. Si tratta di uno sforzo di equilibrismo tra tradizione e innovazione che ci sta tenendo impegnati con tutte le nostre energie e capacità e che, piano piano, sta sempre di più caratterizzando il nostro nuovo sound. Piacerà? Forse non a tutti. Non potevamo pensare di bloccarci su una continua imitazione di noi stessi, abbiamo deciso di andare avanti seguendo quello che ci viene dal cuore e dall'anima, forse un rischio per una band come la nostra da cui si aspetta un approccio rigidamente da “defender”… noi continuiamo ad esserlo... ma vogliamo farlo a modo nostro ..ai posteri l'ardua sentenza!

Nell’ottobre del 2016, dopo il concerto al Traffic con i Dexter ward, nella band cominciano a farsi strada alcune considerazioni che finiranno per condizionare in modo determinante i lavori del disco.
Dal blog
... noi con il vinile Heavy metal fighters avevamo bisogno di comunicare la nostra "esistenza", dopo lunghi anni di più o meno oscura militanza nell'underground. Quell'uscita è stata vissuta come un "siamo stati questo", ma, sotto sotto, anche con un altro messaggio: "noi amiamo il metal" e crediamo di "conoscere il linguaggio espressivo" che lo caratterizza. In questo forse siamo stati un po’ “scolastici” ma avevamo bisogno di colmare un buco, una assenza di trent'anni dalle scene e una mancanza di uscite discografiche che, secondo noi, avrebbero potuto darci un posto di maggior rilievo anche nella scena metal nazionale. Se devi uscire in questo clima ci sta che la prima preoccupazione è quella di un bambino al primo giorno di scuola... non fare brutta figura e dimostrare "la potenzialità". C'è poi da dire che col vinile sapevamo di concludere un periodo legato alla presenza di Andrea Strappetti e questo ha condizionato, non necessariamente negativamente, la scelta di un sound e di arrangiamenti "dedicati" ad esaltare le sue caratteristiche, cosa che abbiamo fatto sempre nella nostra storia passata e che ha finito anche per "connotarci" come genere, fortemente ispirati a quelle bands a cui lo stesso Andrea faceva riferimento nel suo stile canoro (Judas Priest su tutti). Da questo punto di vista, però, 30 anni di passione e di ascolto del metal e sue evoluzioni (thrash, prog, power, epic, etc.), ampliano i riferimenti espressivi e paradossalmente "piu sei vecchio di età" e "più contaminazioni riesci a gestire", con un potenziale innovativo maggiore rispetto a chi è cresciuto avendo a riferimento solo una decina di band nel suo periodo adolescenziale. Da questo punto di vista, l'enorme talento di Andrea, però, ci ha costretto a lungo a mettere da parte certe spinte e con l'arrivo di Flavio, di 20 anni più giovane e con uno stile completamente diverso, pensavamo di poterci ritagliare un maggiore spazio espressivo.
… l'arrivo di Flavio ci ha dato l'impulso a rivolgerci anche ad un pubblico più giovane, ponendo la necessità di uno svecchiamento generale, nella proposta scenica, nella comunicazione e nella musica. Ma anche con Flavio, che nonostante l'età si può considerare a tutti gli effetti un “defender” della vecchia guardia, la nostra evoluzione musicale ha tardato ad arrivare e con "Naked truth" (il CD dal vivo) abbiamo avuto l'esigenza di comunicare essenzialmente: "non solo esistiamo, ma siamo più vivi che mai!". Il messaggio che ha prevalso, quindi, sintetizzando un comune sentire della band, è stato quello di presentarci, ancora incazzati e motivati, alle nuove generazioni... in estrema sintesi "nudi e crudi" va letto come “vivi”, “vegeti” e senza "conservanti", senza "orpelli" tecnologici o trucchi di lifting...
Purtroppo anche su Naked truth, che ha rappresentato pienamente il ritrovato entusiasmo dei Messerschmitt del 2015, la musica resta sostanzialmente quella "dei padri fondatori", in un omaggio al metal classico, per quanto reinterpretato, eseguito con passione e rispetto delle formule care alla nostra “adolescenza”.  Su Naked truth la nostra voglia di spaccare arriva tutta ed il risultato che ci eravamo prefissati è stato raggiunto in pieno, tuttavia è evidente come anche Naked Truth risenta "del passato" (considerando anche che contiene pezzi composti in un arco di tempo che va dall'85 al 2000, con la sola eccezione de Bringer of mourning, che risale al 2014).
.. e allora, oggi, chi sono i Messerschmitt? Su Naked Truth c'è ancora la voglia di farsi conoscere sgomitando e volendo accontentare "tutti", ma che "valore" ha raggiunto la band in termini di personalità artistica? Ecco questa è una nuova sfida, questa è la linfa della nostra motivazione attuale. Con il prossimo disco le “commemorazioni” devono considerarsi finite. E’ giunto il momento per la band di confrontarsi con la propria identità, per arrivare ad essere finalmente “se stessa”, mettendo la propria faccia sulla scena del metal nazionale, dicendo: "questi siamo noi", il "noi" che abbiamo "scelto", dopo tanti confronti, entusiasmi, rallentamenti, separazioni, un “noi” in senso artistico, ma anche in termini di metodo.
Con la maturità capisci che non puoi fare tutto da solo e da questa considerazione viene il fatto che oggi siamo in 5 sul palco, ma la squadra che c'è dietro è molto più estesa, con diverse persone che si sentono legate con entusiasmo al progetto e che, su nostra dichiarata richiesta, ci aiutano a capire limiti e potenzialità e ad indirizzarci per alzare continuamente l’“asticella”.  Ed ecco che i preziosi consigli di Gianfranco Belisario ci aiutano a comprendere che cosa passa nella testa di chi "compra" e "segue" il metal oggi, così come quelli di Alessio, Alessia e Andrea (MMFactory) sono utili per conoscere e gestire il “misterioso” (per noi) mondo del web (grazie anche Gianluca Cassandra che ci ha "donato" un sito internet utile a questo scopo), per arrivare a Raimondo Sperlonga e Fabio Lanciotti, da considerare quasi membri effettivi della band, per il grande contributo nella co-scrittura e co-arrangiamento dei nuovi brani e per la passione che hanno messo in questa collaborazione.
I Messerschmitt di oggi non hanno paura di "confessare" questo approccio, perché si tratta di una scelta consapevole, dettata dalla conoscenza dei propri limiti, ma anche dalla determinazione nel raggiungere i propri obiettivi. Con il nostro prossimo disco, il primo vero full lenght, intendiamo rivolgerci ad un pubblico più esteso, lanciando un messaggio diverso rispetto al passato: "questi siamo noi oggi, al massimo delle nostre capacità tecniche, artistiche e organizzative". Questa volta, forse, non sarà un uscita "scolastica", ma molto più legata all'identità vera ed attuale della band. Se prima una stroncatura era poco probabile (visto che a tutti piacciono band come Priest, Maiden e Kiss) con questo disco forse la rischieremo di più, ma con un certo piacere, perché questa volta eventuali complimenti saranno rivolti veramente a noi e a quello che siamo stati capaci di fare. Forse, anche rispetto a Naked Truth, sarà proprio il prossimo disco che ci metterà più "a nudo", come una band che emette, seppure tardivamente, il suo primo vero "vagito" e intende essere "riconoscibile" e "riconosciuta" per quello che è.
Non aspettatevi grosse rivoluzioni, si tratta sempre di fottuto “heavy metal”, ma ora la proposta ci rappresenta di più, con tutti i nostri limiti e le nostre influenze (assolutamente eterogenee).
In questi ultimi mesi abbiamo litigato di più, abbiamo perso e ripreso il controllo sui brani per decine di volte e ci è voluto molto più tempo di quello che ci aspettavamo, ma oggi, più o meno al 50% delle registrazioni, siamo orgogliosi di riconoscerci in questo lavoro in tutto e per tutto, pronti a prenderci qualsiasi critica, ma anche emozionati come bambini nell'attesa di vedere come "il mondo" accoglierà la NOSTRA musica.  E se il disco dovesse andare male? Nessun problema, ne faremo un altro meglio! ... Finché c'è la salute... se il fuoco del metallo dentro di noi non si è spento in 30 anni, pensate che possa spegnersi proprio ora, che siamo una band vera e viva, solo perché a qualcuno non andiamo completamente a genio?

Nel dicembre 2016 le riflessioni illustrate sedimentano e portano a conclusioni importanti e a decisioni conseguenti.
Dal blog:
…Causa diversi problemi organizzativi (eufemismo di "grandissimi casini") la band ha visto un leggero rallentamento delle attività. Nonostante l'età media elevata, non si riesce mai a poter contare su una certa stabilità “emotiva” ed “organizzativa”.  Problemi di “cuore”, di lavoro, di famiglia, di salute, continuano ad influire sulla band (come da sempre e come è giusto che sia) incidendo anche sui tempi di realizzazione dei nostri progetti che, forse erroneamente, avevano assunto una dimensione ai limiti del “professionale”. Niente di grave, tutto nella normalità delle cose, ma dobbiamo ormai prendere atto che non chiuderemo le registrazioni del disco entro l'anno come ci eravamo prefissati. Anzi, sia a causa dei problemi citati, sia come conseguenza di un "ripensamento" che spiegherò di seguito, c'è il rischio che il disco slitti (per l'ennesima volta) molto in là nel 2017.
Il "ripensamento", che nasce da una analisi condivisa con la nostra "squadra allargata" ed in particolare con il nostro project manager, direttore artistico o come volete chiamarlo, alias Mr. Fabio Lanciotti, consiste nell'aver preso atto che otto pezzi nuovi, composti ed arrangiati in circa un anno, probabilmente non riescono a reggere il confronto con gli otto brani di Naked truth, frutto di 10 anni di lavoro.
Non si tratta di qualità in senso assoluto, ma di necessità di sedimentazione ed affinamento. I primi quattro pezzi sono volati via lisci, mentre per gli altri ci siamo resi conto che il lavoro da fare è ancora molto se si intende portarli al livello che meritano.
La verità è che fare musica originale e volerla fare bene consiste in un lavoro molto complesso e per noi, in questo momento, con i tempi a disposizione rosicchiati al resto degli impegni personali, seppure di grande soddisfazione, si traduce in una vera e propria impresa.
Ci serve altro tempo, quindi, perché in sala prove non ci accorgiamo di certe cose che si palesano in studio di registrazione (durante la pre-produzione); perché avere due chitarre significa anche "una responsabilità" in più, in termini qualitativi e di scrittura dei riff; perché avere un coach che lavora con il cantante separatamente sulle linee vocali e sull’adattamento dei testi significa uno sforzo di coordinamento in più; perché per testare continuamente idee e arrangiamenti in locali che ti permettono di distinguere le note devi “uscire” dalla sala prove (la nostra è una cantina male insonorizzata e satura di umidità) e avere il buon Fabio Lanciotti disponibile per lavorare in studio nelle pre-produzioni.
Per questi motivi la band deve arrendersi ai fatti. Lavoreremo al massimo delle nostre capacità e disponibilità, continuando, senza mollare un passo, nel voler portare a termine questo progetto (disco) il prima possibile, ma ormai è evidente che non ci riusciremo nei tempi che speravamo un anno fa. Comunque, mentre "L'ottimo è nemico del bene" continuerà la sua eterna lotta contro "la gatta presciolosa fa i gattini ciechi"… a voi non resta che pazientare…

All’inizio di gennaio del 2017, le difficoltà della band si palesano in modo evidente e portano ad una scelta dolorosa, ma che si rende necessaria e cioè alla decisione di cambiare cantante. Non è una bocciatura nei confronti di Flavio, ma una resa all’evidenza circa l’impossibilità di perseguire una identità artistica della band. La decisione matura congiuntamente ad una improvvisa inversione di tendenza: la band si rende conto di aver bisogno di compattezza “generazionale” e di ampliare i confini espressivi con un cantante che ci permetta di spaziare maggiormente tra le numerose ed eterogenee influenze ed ispirazioni che, sempre più, ci chiedono di “cucire” un nuovo vestito alla band, uscendo da binari consolidati e rischiando il tutto e per tutto in una proposta sempre più rivolta alla “nostra soddisfazione” più che alle aspettative di chi ci segue.
Dal blog:
L'anno nuovo inizia all'insegna del cambiamento. Le nostre riflessioni, solo in parte anticipate, ci hanno portato ad un ripensamento profondo sul metodo e sul futuro della band. Come già detto, arrivati a questo punto e alla vigilia dell'uscita del nostro primo vero full lenght, abbiamo sentito una forte spinta verso la ricerca di una maggiore identità artistica.
Ci è chiaro, ormai, che le nostre velleità non possono essere commerciali e non possiamo nemmeno confrontarci con band che stanno puntando al successo, sia per età che per tempo a disposizione. Abbiamo, semmai, il bisogno di connotarci e di ritagliarci un nostro posto nel metal romano e nazionale. Questa necessità prevede anche il ritorno ad un maggiore lavoro "in sala prove" dove abbiamo deciso, sin dall'inizio, che si debba vivere la nostra esperienza di band, fatta essenzialmente di rapporto umano e di passione per la composizione di brani originali. Senza rinnegare le preziose collaborazioni in atto, che dovranno continuare ad aiutarci per migliorare le "nostre" idee, il proposito del nuovo anno è quello di "riappropriarci" del progetto Messerschmitt in un’ottica più identitaria e generazionale.

Il 20 gennaio 2017, dopo la decisone di cambiare cantante, la band si ritrova a “chiudersi” in se stessa, interrompendo una spinta “organizzativa” a vantaggio di un percorso più introspettivo, finalizzato alla connotazione di una “nuova identità artistica”.
Dal blog:
… i recenti cambiamenti fanno parte di un evoluzione/involuzione (secondo da che ottica si osserva) basata sul fatto che, anche se "tardivamente", il lavoro sul disco ci ha aperto gli occhi su molte cose, prima tra tutte su chi siamo veramente e su cosa vogliamo e possiamo fare effettivamente in futuro.
Ci siamo resi conto che per età, impegni familiari, lavoro, tempo a disposizione, il "centro" della nostra avventura musicale non può più essere il palco, né le tournée, né la visibilità mediatica, né lo stare al passo con regole di marketing costruite su misura per chi ambisce ad un successo commerciale, ma risiede essenzialmente in una attività "di cantina" (oggi si chiama sala prove..). E' li infatti che noi passiamo il 95% del nostro tempo dedicato alla musica, è lì che la nostra passione e la nostra creatività prendono forma e trovano sfogo, è lì che c'è scambio tra persone che "condividono" anni di ascolto e lo stesso sogno...
… L'esperienza sul disco in lavorazione, infatti, ci ha portato a vedere "il nostro futuro" con più chiarezza e, se vogliamo, ha anche portato un ridimensionamento delle aspettative di una band che si era notevolmente motivata negli ultimi anni nello scalare il consenso degli appassionati del metal nostrano. Questo ridimensionamento, per noi, tuttavia, significa anche "crescita".  Sembra strano, ma è così... un deciso “passo indietro” rispetto a "ciò che serve per avere consenso", ma un grande “passo in avanti” per "riuscire a fare quello che ci piace fare".
Questo per dire che, nonostante quelle che possono sembrare avversità, in questo momento la band è in una sorta di "trance", come se avessimo avuto tutti, chiaramente, la visione di ciò che ci serve per essere gratificati... e cioè essere noi stessi, con tutti i limiti e le inadeguatezze di gente di cinquant'anni che suona metal a Roma, in Italia, nel 2017, provando poche ore a settimana... ma avendo in testa la propria musica 24 ore su 24, con la stessa passione di 30 anni fa.
Ecco, allora, che, con grande umiltà e ritrovato entusiasmo, da domani torniamo a fare quello che ci piace fare, forse con meno grilli per la testa, rinviando ogni scadenza impossibile, ma con la convinzione di avere ancora di fronte molte ore di "divertimento" con la musica che amiamo.

A metà marzo del 2017 la band appare totalmente immersa nel suo nuovo corso
Dal blog:
… la band si ritrova chiusa in se stessa, alle prese con un processo di trasformazione per noi importante. Anche le comunicazioni ufficiali sui social sono ridotte all'osso e demandate agli amici della MMFactory. Stiamo attraversando un periodo di auto-isolamento, abbiamo bisogno di lavorare senza influenze esterne e senza scadenze, questa è stata una scelta che si è delineata nel tempo durante la lavorazione del disco.
Non saprei spiegare nei dettagli la dinamica, ma sostanzialmente ci stiamo occupando solo della musica, con un metodo diverso rispetto al passato. Nonostante il silenzio “mediatico”, infatti, stiamo vivendo un fermento creativo molto coinvolgente ed appagante e, cosa più bella, lo stiamo facendo insieme, come una vera band.
Abbiamo dovuto derogare su alcuni aspetti (stiamo usando i PC per lavorare a casa e scambiarci idee perché le ore passate in sala prove non si sono dimostrate sufficienti), ma forse mai come in questo momento ci sentiamo uniti e determinati.
Mourinho direbbe "contro tutto e contro tutti" come motto unificante ed efficace sul piano motivazionale, ma non è il caso nostro. Per noi si tratta di un nuovo equilibrio anche sui rispettivi ruoli interni, arresi ormai all'impossibilità di approcciare questa esperienza in un’ottica commerciale. Stiamo scrivendo musica insieme, stiamo provando con intensità, stiamo cercando di dare un’identità alla band senza stereotipi, col solo obiettivo di sentirci tutti protagonisti e sostenitori di questo progetto.
I tempi per l’uscita del cd non sono più stimabili, ma l’importante è che ci stiamo divertendo molto e quello che sta venendo fuori per noi è di grande soddisfazione. Abbiamo un nuovo arrivato alla voce e questo ci ha costretto a rivedere un po’ tutto, ma questo processo ci sta facendo crescere. La sensazione è che ora risultiamo più "credibili” soprattutto “a noi stessi", stiamo inserendo soluzioni che in passato avremmo scartato per motivi di "opportunità", stiamo litigando molto di più perché ognuno di noi vuole "contribuire" in termini creativi e cominciamo a vedere il disco come un messaggio unico, coerente, identitario, destinato forse a non piacere a tutti, ma funzionale a farci sentire tutti rappresentati.
Forse i Messerschmitt di qualche tempo fa non esistono più, ma non ne siamo minimamente preoccupati perché stiamo vivendo uno dei momenti di massima compattezza della band, con tutti i problemi di sempre. Ce ne accorgiamo perché in sala prove si parla solo di note, stacchi, riff, linee melodiche e non c'è nostalgia ne tensione per il futuro. Viviamo in un momento temporale "sospeso" che la nostra sensibilità ci suggerisce essere prezioso in quanto foriero di un lavoro di grande qualità (forse dovrei scrivere soddisfazione perché, forse per la prima volta, stiamo lavorando soprattutto per noi!)

Dopo l’ufficializzazione dell’ingresso di Luca Loreti alla voce, avvenuta il 16 aprile 2017, la band comincia ad esplorare nuove soluzioni ed intravede nuove potenzialità.
Dal blog:
Assorbita con fatica (emotiva ed umana) l'uscita dalla band di Flavio, ora possiamo dire di aver ricominciato la nostra strada con un nuovo compagno di viaggio. Il "sogno" prosegue con un cantante diverso da tutti quelli che lo hanno preceduto: Luca ha una grande personalità ed una bellissima voce e possiede una grande inclinazione melodica, le sue "origini" artistiche pescano a piene mani anche al di fuori del "nostro" genere e questo significa molto. Significa innanzitutto una ancora maggiore potenzialità espressiva per la band, significa recuperare molte idee scartate perché non adatte ai precedenti cantanti e, ahimè, significa anche ri-adattare al suo timbro ed al suo stile il nostro modo di scrivere ed arrangiare. Di questo ce ne siamo resi conto subito ed è ormai più di un mese che abbiamo iniziato questo lavoro, partendo dai pezzi che finiranno nel disco. Siamo convinti che Luca sia la persona giusta per esprimere "tutto" quello che siamo e che vogliamo essere, rischiando anche di "uscire" dal solco del metal più classico quando lo riterremo utile o interessante, senza per questo tradire il nostro sound che resta naturalmente e saldamente ancorato alla nostra storia e alle nostre capacità tecniche ed espressive…

A metà maggio 2017, si delineano le considerazioni che porteranno a modifiche sostanziali al materiale destinato al disco.
Dal blog:
…Lavoro "silenzioso" e costante sul disco. Non pensiamo di tornare a suonare live prima di settembre perché siamo concentrati ad ultimare il lavoro che ci "dovrà" permettere di uscire con il full lenght il prima possibile (il ritardo accumulato comincia ad essere imbarazzante rispetto a tutte le volte che abbiamo annunciato l’imminente uscita…). Abbiamo deciso di dare priorità a questo obiettivo: il 7 giugno faremo un ultima sessione di pre-produzione (con quella che dovrebbe essere la lista definitiva dei brani) e il 15 settembre (giorno più giorno meno) entreremo in studio per registrare tutto.
Si conferma l'intenzione di pubblicare 8 pezzi nuovi, composti a partire dalla pubblicazione di Naked truth (2015). Il nostro metal classico si è aperto a varie contaminazioni, dal thrash al prog, anche grazie alla duttilità vocale di Luca, ma stiamo tentando di dimostrare che la personalità di una band non dipende tanto dal "genere" che fa, ma dal suo "sound" e dal suo modo di sviluppare le idee. Quindi, che sia metal, prog, power o epic per noi è importante che si riconosca il marchio "Messerschmitt" in termini di impatto (per noi il metal, alla fine è, e deve restare, una potente evoluzione del rock'n'roll). Pochi fronzoli (anche perché non abbiamo tempo), nessuna ruffianeria a nessuna moda o tendenza, solo passione ed energia. Eccovi una anticipazione dei titoli di alcune delle nuove canzoni, premettendo che per oscuri motivi si tratta spesso di titoli "lunghi" come Like Watching a New Child Born, Hunter Today Prey the Next Day, Born in The Slums of Rome, Glimpse of Shame. Ovviamente si tratta di titoli che potrebbero essere ancora provvisori ma che si aggiungeranno a quelli già decisi da tempo… Raising Hell, The Final Score, Brakeless e Once Again.

A metà dicembre 2017 la band torna in studio per rifare “da capo” tutto il disco. Tutto il lavoro precedente viene considerato pre-produzione. Una scelta coraggiosa ma consapevole. La band percepisce la necessità di proporsi risuonando tutto il disco alla luce di tutto il lavoro di adattamento/affinamento/ripensamento intercorso negli ultimi mesi ed innescato dall’arrivo di Luca alla voce.
Dal blog:
Siamo "tornati" in studio per finire di registrare questo benedetto primo album! Anzi... non si tratta di finirlo, ma di riregistrarlo tutto da capo!
Questa la decisione presa di comune accordo. Tutto il lavoro sin qui fatto diventa “pre produzione” ma le registrazioni definitive saranno tutte ex novo, per “incassare” il lavoro di affinamento e di ulteriore arrangiamento svolto sui pezzi confermati… e per inserire i nuovi in modo coerente dal punto di vista del sound. Iniziamo, quindi, da capo, ma stavolta entriamo in studio molto più pronti (si può dire che abbiamo fatto una pre-produzione di due anni!), con scelte di arrangiamento molto ben definite. Con questa nuova programmazione dovremmo andare più spediti, ma per ovvie ragioni non osiamo formulare alcuna ipotesi sulla chiusura definitiva del lavoro (l’obiettivo attuale è pubblicare il CD prima dell’estate prossima)

Nel dicembre 2017, approfittando delle vacanze natalizie, terminano le registrazioni del disco ed inizia la fase di editing. A causa dei nuovi arrangiamenti, questa ultima fase richiede molto più tempo del previsto, specie per le parti di batteria. La band decide inizialmente di presentare il CD a marzo, ma subito dopo si rende conto della necessità di altro tempo, rinviando il tutto al 9 giugno (data inizialmente concordata per la release ufficiale anche con Marco Fatini, organizzatore dell’evento). Dopo alcuni live di prova (in cui la band ha cominciato ad introdurre in scaletta due o tre brani del disco), con la grafica già in stampa, arriva il momento di dedicarsi ai suoni definitivi e ci si rende conto che i grandi cambiamenti introdotti negli arrangiamenti e nel sound della band costringono ad un ragionamento attento e a diverse prove prima della scelta definitiva. Di comune accordo con il producer Fabio Lanciotti, la band decide di rinviare ulteriormente la presentazione del disco a dopo l’estate.

Nel luglio del 2018, dopo un paziente e attento lavoro di editing e di mastering, il disco Messerschmitt – Raising Hell è pronto e viene mandato alla stampa. Uscirà, come il precedente, in collaborazione con la Metal Zone di Gianfranco Belisario. La data di releaase non è ancora stata fissata ma, presumibilmente, sarà a Roma, a fine di settembre 2018.


UNA BREVE NOTA, PEZZO PER PEZZO

1. RAISING HELL
Raising Hell, la title track dell’album, da subito ci è sembrato un pezzo molto rappresentativo del nostro sound, in cui si mescolano diverse influenze ma dove alla fine prevale una nostra modalità di concepire il metal come band. Per noi il “tiro” deve prevalere su tutto e su questo pezzo abbiamo lavorato molto insieme ed il risultato evidenzia la nostra volontà di legare il sound dei Messerschmitt dediti al metal classico degli anni 80 con le tendenze più recenti, nella ricerca di una ispirazione più “identitaria” da parte della band, sia in termini di scrittura che di sound. Con Raising hell in sostanza la band si presenta per quella che è oggi, puntando sia alle nuove che alle vecchie generazioni. Con questo brano, più che per gli altri, vale il nostro motto… prendere o lasciare... questi sono i Messerschmitt!

  1. HUNTER TODAY, PREY THE NEXT DAY
Pezzo "tirato", scritto da Francesco, probabilmente quello che in preproduzione ha subito meno stravolgimenti. Il ritornello dà respiro, anche se non proprio da rilassarsi completamente, ad un ritmo serrato, di strofa ed inciso, quasi da apnea. Il testo è chiaramente riferito alla questione ancestrale che ogni essere vivente affronta nel corso della propria esistenza, oggi sei "cacciatore", domani però potresti diventare "preda", quindi, inconsciamente forse, c’è la predisposizione a voler avere e a godere tutto, subito, prima che sia troppo tardi. Metaforicamente è un'allusione ai tempi frenetici che viviamo. Il "tiro" del pezzo certifica la velocità e la ricerca spasmodica di "benessere egoista", di certi atteggiamenti della vita quotidiana.

  1. LIKE WATCHING A NEW CHILD BORN
Questo è il pezzo dell'album, del quale, io personalmente (Luca Loreti), sono particolarmente orgoglioso. E' il primo testo che ho scritto da quando sono nella band. Guardare un bambino appena nato, ti fa, riassaporare il miracolo dell'esistenza, nonostante le "ferite", le angosce e il trambusto ordinario che la vita propone, per cui se si è stati svegli durante un periodo buio, l'alba può apparire come un incantesimo al quale abbandonarsi e arrendersi addirittura, guardandola come si guarderebbe una nuova creatura che si affaccia alla vita. I riff iniziali di Fabrizio sono piaciuti subito a tutti e da lì è iniziato un lavoro di arrangiamento, di completamento delle linee vocali e del testo che ha coinvolto tutti, per un risultato che ci ha davvero soddisfatto. E' una canzone molto "sentita", combinazione perfetta tra parole e musica. La vita va avanti, continua a camminare, è la "cifra" identificativa del pezzo.

  1. ONCE AGAIN
Once again è la canzone che, nella pre-produzione, ha subito la maggiore quantità di "manipolazioni". Pezzo accantonato in un primo momento, nato come ballad, è diventato, in seguito, una vera e propria eruzione vulcanica. I riferimenti lirici sono riconducibili ad un naufragio, con circostanze autobiografiche di Francesco, ma il testo si può considerare una canzone d'amore a tutti gli effetti, con allusioni ai rimpianti e alla consapevolezza di non poter tornare indietro e recuperare qualche mancanza. L'inizio, molto atmosferico, dà quasi un senso di pace e tranquillità, preludio allo sfogo e alla paura di dover affrontare un allontanamento definitivo dalla persona amata. L'arrangiamento è stato montato e rimontato più volte, con tagli e aggiunte anche nelle parole. Un'intuizione di Fabrizio, ne ha, alla fine, determinato la stesura finale, che ci piace moltissimo e che trasforma definitivamente una ex ballad in un brano killer.

  1. BRAKELESS
Brakeless è uno dei pezzi che forse più degli altri conserva le nostre antiche radici, i riff di base non sono “nuovissimi” ma abbiamo voluto accettare la sfida di proporlo insieme al resto grazie ad un arrangiamento che nel tempo ha preso una strada inaspettata, riuscendo a rendere il brano compatibile con il resto dell’album. Qui abbiamo voluto ricreare una stretta dipendenza tra il testo e le sensazioni trasmesse dalla musica, con una ritmica che in certi momenti diviene volutamente ossessiva, richiamando l’immagine di una “folle corsa” verso l’ignoto. Il concetto è quello della velocità come stile di vita, con tutti i chiaro scuri che comporta in termini sociali e filosofici, ma nella nostra proposta prevale l’approccio adrenalinico di chi è abituato o costretto a correre indipendentemente dalla meta. Forse in altri tempi questa immagine avrebbe potuto rappresentare un clichè del metal, ma oggi per noi ha un sapore diverso, rabbioso, di chi sente la vita scorrere veloce e si rende conto che non c’è tempo per esitare, la vita è sempre più un imbuto infernale, una sfida senza garanzie. Il finale del pezzo, anche dal punto di vista del racconto testuale, resta aperto volutamente… molti continueranno a godere dell’ebbrezza della velocità, molti si schianteranno alla prossima curva… così va il mondo!

  1. THE FINAL SCORE
Questo brano è stato oggetto di numerose modifiche, rispetto ad una stesura originariamente molto legata alle nostre radici ottantiane. La prima versione conteneva espressamente citazioni “priestiane” (ora solo parzialmente sopravvissute) ed una ritmica diversa. Grazie ad un lavoro di squadra ne è uscito un pezzo abbastanza controverso, con un sound che nel disco sembra costituire un momento di “respiro”, quasi avulso dall’atmosfera che pervade il resto dell’album, ma associato ad un testo che, invece, è uno dei più “catastrofici” del repertorio della band. Si parla del comportamento irresponsabile del genere umano in campo climatico ed ambientale e del “conto” che la natura prima o poi ci farà pagare. Poteva essere scontato accompagnare questa trattazione con una musica diversa, a tinte più scure e pessimistiche, ma noi abbiamo voluto metterci dalla parte della natura e trattare il tema sullo sfondo di una bella cavalcata, a tratti melodica, che costituisce quasi una provocazione, rispetto ad un “risultato finale” che l’umanità si sta veramente meritando.

  1. GLIMPSE OF SHAME
La maledetta... questo il termine con il quale il nostro drummer l'ha etichettata, dopo aver ascoltato il pattern di batteria che avrebbe dovuto sviluppare: la chiamiamo ancora così. Se non lo conoscessimo come una persona sobria, tranquilla, concreta, avremmo potuto pensare, dopo aver sentito i riff di questo pezzo, che Fabrizio avesse voluto cimentarsi in esercizi lisergici degni del miglior… o del peggior Syd Barrett, tanto che Mario, dopo un primo ascolto, gli disse "a Fabri', ma de che te sei fatto???" E' un pezzo "complicato", ma molto stimolante allo stesso tempo. Ci ha messo davvero alla prova, in prospettiva anche futura, rispetto al tipo di band che vogliamo essere e al tipo di musica che vogliamo scrivere e suonare.
Le parole traggono ispirazione da un libro, scritto da un sopravvissuto al regime dei Khmer Rossi in Cambogia, che, dopo una ventina d'anni, si ritrova, come giornalista, ad intervistare il suo torturatore e carceriere. "Non voglio vendetta e non cerco la verita', mostrami solo un lampo di vergogna e fammi vedere cosa fa di un uomo... un uomo!". Tanto lavoro, ma molta gratificazione per "la maledetta".

  1. BORN IN THE SLUMS OF ROME
L’intenzione era quella di costruire un pezzo anthemico con cui chiudere i live, che potesse rappresentare il seguito di Heavy metal fighters, sia per noi che per i fans. Anche qui ha prevalso un lavoro di squadra rispetto ad un testo che ci rappresenta tutti, nel profondo, forse più di qualsiasi altro dei Messerschmitt. Al di là della zona di provenienza, infatti, ci sentiamo tutti un po’ “nati nei sottofondi di qualcosa”, descrivendo con questo la condizione di sostanziale emarginazione, frustrazione e rabbia che è una delle principali fonti di ispirazione del nostro metal. Ci siamo sempre sentiti una metal band della “working class” e appartenenti a quella “Roma” periferica e trascurata che alimenta voglia di riscatto, frustrazione, rabbia e malinconia.
La condizione di chi vive a Roma oggi, visto il retaggio storico della Città Eterna, ben si presta a rappresentare queste sensazioni. Si tratta del risultato di promesse mai mantenute e di continue delusioni per quello che, in fondo, è un “amore” non corrisposto da parte di una “città” che non ci ama come noi la amiamo, anzi ci spinge sempre più ai margini. Con questo brano, fatto di riff e ritmica taglienti alternati ad un coro epico quanto “malinconico”, rivendichiamo, quindi, una condizione a cui risale la nostra attitudine metallica, a partire dagli inizi, quando, imberbi adolescenti, imbrattavamo con lo spray un muretto di Largo Preneste con il nostro monicker, sino ad oggi, tutti vicini ai 50 (chi poco sopra, chi poco sotto) ancora perennemente incastrati nel traffico per raggiungere la sala prove, ma con la stessa musica “a palla” nello stereo e con lo stessa voglia di arrivare (almeno alla sala prove…) di oltre 30 anni fa!



APPENDICE: 
HYSTORY OF MESSERSCHMITT, HEAVY METAL FIGHTERS SINCE 1983


1982: Si formano gli Zelloffen (Ciancaleoni, Appetito, Menna, D’Olimpio, Baffo Jorg)

1983: Esce il primo demo degli Zelloffen, contiene 5 pezzi: Mister fire, Metallic kids, Aquilonia avenue, Grave bells, Danger
1983: La band cambia monicker da Zelloffen a Messerschmitt

1984: Andrea Strappetti sostituisce Baffo Jorg alla voce
1984: Esce il primo demo dei Messerschmitt: contiene Red baron, Another countenance, Kamikaze, Outlaw power e Angel of death.

1985: Alessandro Chiadroni sostituisce Fabio D’Olimpio al basso
1985: Lo stile della band vira decisamente verso la NWOHBHM. In scaletta, oltre ad Heavy metal Fightes, ci sono brani come Resurrection e Hit the steel, oltre a Ivanhoe, King of fairland, Dreams of emperor e Damn slippery road.
1985: La band autoproduce il singolo Heavy Metal Fighters (registrato al Kamelot Studios)
1985: I Messerschmitt partecipano alla trasmissione televisiva Tandem (RAI 2) eseguendo Heavy metal fighters dal vivo

1986: Per un breve periodo Giancarlo Cornetta sostituisce Francesco Menna alla Batteria e Fabio Capulli prende il posto di Alessandro Chiadroni al basso
1986: Fabrizio Appetito parte per il militare e Francesco Ciancaleoni si trasferisce fuori Roma: i Messerschmitt si sciolgono

1987-2006: Gli ex membri della band partecipano ad altri progetti (D.O.C., Pleasure Palace, Blizzard, Mindscape, Maskim, Machine head, Fireball, Hush, Steel Tyrant). Francesco Ciancaleoni continua comunque a comporre materiale pensando ad una possibile reunion dei Messerschmitt

Dic. 2007: I 4/5 della formazione del 1985 (Appetito, Ciancaleoni, Strappetti, Menna, a cui si aggiunge al basso il cugino di Francesco Menna, Claudio Mottola) si ritrovano in sala prove (al Legend) per una rimpatriata. Si eseguono versioni ri-arrangiate di Heavy metal fighters, Resurrection e Hit the steel

Feb. 2009: A causa di problemi organizzativi e incompatibilità varie, il primo tentativo di reunion della band si esaurisce senza esiti (nessun live e nessuna registrazione).

12 gen. 2012: I Messerschmitt decisono di riprovarci: prima prova all’Elefante bianco con una nuova sezione ritmica: Walter Scoccia al basso e Matteo Moriconi alla Batteria
28 sett. 2012: La nuova formazione esordisce dal vivo al Porky’s live club (eseguendo versioni ri-arrangiate di Heavy metal fighters, Resurrection e Shape the steel (ex Hit the steel), a cui si aggiungono King of Sky e The Nightrunner)

2013: Esce una compilation allegata al volume ANNI DI METALLO (a cura di A. Ciccomartino) che comprende Heavy metal fighters dei Messerschmitt (versione  originale del 1985) oltre a Metallic kids degli Zelloffen (dal demo del 1983)

28 giu. 2014: Luca Federici sostituisce Matteo Moriconi alla Batteria
31 lug. 2014: Mario Ghio sostituisce Walter Scoccia al basso
2014: Esce una compilation dedidcata ai Kiss e allegata al libro Kissed by Kiss (A. Ciccomartino): i Messerschmitt partecipano con la cover di Deuce
29 apr. 2014: Andrea Strappetti si trasferisce all’estero per lavoro e lascia la band
16 sett. 2014: Flavio Falsone entra nei Messerschmitt alla voce

26 feb. 2015: I Messerschmitt aprono per i Tygers of Pan tang al Jailbreak
27 feb. 2015: I Messerschmitt registrano un live al Closer
 Marzo 2015: Esce, in edizione limitata, il vinile Heavy Metal Fighters (Ace Records): si tratta di una raccolta antologica che contiene 4 brani cantati da Andrea strappetti (nuove versioni ri-arrangiate dei brani già in scaletta nel 1985 e cioè Heavy metal fighters, Resurrection, Heroes of the rising sun (nuovo titolo di Kamikaze) e Shape the steel (ex hit the steel) oltre al il demo dei Messerschmitt del 1984
Sett. 2015: Esce il CD Naked truth Live@closer (Metal Zone) registrato e prodotto da Fabio Lanciotti in occasione di un concerto tenuto dalla band al Closer il 27 febbraio 2015: il CD contiene 8 pezzi  Blood and tears, King of sky, Heroes of the rising sun (kamikaze rep.), The Nightrunner, Resurrection, Bringer of mourning, Shape the steel e Heavy metal fighters
23 ott. 2015: Il brano Heroes Of The Rising Sun (Kamikaze reprise), remix della versione comparsa sul vinile ma cantata da Flavio Falsone, compare nella Compilation Metal Years vol. 1 (Ace Records/Celtic Moon Moon Records)

8-10 gen. 2016: I Messerschmitt aprono per le date italiane del tour degli epic metaller greci Battleroar

12 febb. 2017: Il brano Heavy Metal Hero compare nella Compilation Metal Years vol. 2 (Ace Records/Celtic Moon Moon Records). La compilation viene presentata in occasione di un concerto al Jailbreak in cui si esibiscono i Messerschmitt. La band annuncia che si tratta dell’ultimo concerto di Flavio Falsone alla voce.
18 apr. 2017:  Luca Loreti entra nei Messerschmitt alla voce

3 sett. 2017: Luca Loreti esordisce live in occasione del Rometal 2017
Dic. 2017: La band entra in studio per registrare la versione definitiva di Raising Hell (dopo due anni di pre-produzione)

2018: Esce il CD Messerschmitt - Raising Hell (Metal Zone), primo full lenght in studio della band, prodotto da Fabio Lanciotti e con la collaborazione di Ray Sperlonga. Contiene otto brani: Raising hell, Like Watching A New Child Born, Glimpse of Shame, Born In The Slums Of Rome, Hunter Today Prey The Next Day, Once Again, The Final Score, Brakeless.


sabato 30 giugno 2018

DIARIO DI BORDO II



MESSERSCHMITT: VITA, MORTE E MIRACOLI DI UNA STORICA METAL BAND CAPITOLINA  

a cura di: Francesco "RiffMachine" Ciancaleoni
(N.B.: a partire dal 26 ottobre 2016 il canale di comunicazione ufficiale della band è il sito web: www.messerschmittheavymetalfighters.it/)


DIARIO DI BORDO II 


Proseguono qui le "Cronache" sulle attività dei Messerschmitt. 
Per una presentazione della band andate qui:
MESSERSCHMITT OFFICIAL BLOG

Per problemi di spazio e di gestione dei contenuti, la sessione del DIARIO DI BORDO II inizia a partire dal 21 dicembre 2017.

L'attività precedente (dal 2011 al 2017) la trovate qui:
DIARIO DI BORDO

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


14 dicembre 2017

Dopo un lungo periodo di silenzio su questo blog (ma di intensa attività della band) torno a scrivere su questo blog (in un nuovo post) sull'attività dei Messerschmitt. Racconterò e documenterò a breve gli ultimi mesi (con un bel Live tenuto in occasione di un Halloween party al Croma Etilico), ma per ora la notizia è che finalmente siamo "tornati" in studio per finire di registrare questo benedetto primo album!  Anzi... non si tratta di finirlo, ma di ri-registrarlo tutto da capo!
Questa la decisione presa di comune accordo. Tutto il lavoro sin qui fatto diventa “pre produzione” ma le registrazioni definitive saranno tutte ex novo, per “incassare” il lavoro di affinamento e di ulteriore arrangiamento svolto sui pezzi confermati… e per inserire i nuovi in modo coerente dal punto di vista del sound.
Iniziamo quindi da capo, ma stavolta entriamo in studio molto più pronti (si può dire che abbiamo fatto una pre-produzione di due anni!), con scelte di arrangiamento molto ben definite.
Con questa nuova programmazione dovremmo andare molto spediti (ma per ragioni scaramantiche non oso formulare alcuna ipotesi sulla chiusura definitiva delle registrazioni…).

Per dovere di cronaca.. ecco alcuni scatti della serata al Croma Etilico (Helloween party) del 31 ottobre scorso. Durante l'esecuzione di Bringer of mourning abbiamo sfoggiato delle maschere horror che ci hanno fatto sudare ma anche divertire.
















8 gennaio 2018
Dopo l'ormai tradizionale ingresso autorizzato di  "Ascanio" sono qui ad aggiornarvi sugli sviluppi delle registrazioni in corso. Vacanze natalizie proficue per i Messerschmitt, con molte sedute in studio col "perfido" Lanciotti. "The sixth man" of Messerschmitt ci ha ben strigliato e motivato cavando tutto il sangue possibile dalle rape e guadagnandosi ancora una volta tutta la nostra riconoscenza per la professionalità e per la passione che mette nella nostra collaborazione. Dopo oltre 150 ore di lavoro in studio (spalmate in circa due anni), tra preproduzione e registrazioni, possiamo dire di essere a "buon punto", ma mancano ancora molte cose.. per ora eccovi una carellata di foto sulle sessioni in studio di fine dicembre-inizio gennaio 2018..
Buon Anno!
Preparazione alla registrazione - Lanciotti studios

Mixer - Lanciotti studios

"The sixth man" of Messerschmitt

The "mess" in action

Luca The animal.in studio

Luca The animal (no comment)

Luca The animal.in studio

Luca The animal.(no comment 2)

Mario The Driull.in studio

Registrazioni Messerschmitt - Riunione preliminare 

Luca The animal.in studio

Mario The Driull.in studio

Luca The animal.in studio

Luca The animal.in studio

Luca The animal.in studio

Mario The Driull.in studio

Mario The Driull.in studio

Luca The animal.in studio

Aprile 2018

Le registrazioni del disco sono praticamente finite, manca solo qualche ritocco (alcune voci e qualche rifinitura di chitarre), ma ora inizierà il lavoro di editing e missaggio che presumibilmente ci dovrebbe consentire di stampare ed uscire con il CD in tempo rispetto alla data di presentazione che abbiamo fissato per i primi di giugno 2018.
Nel frattempo siamo tornati a suonare dal vivo, il 24 marzo al Fucksia, insieme alle Hellbow.


Nell'occasione abbiamo eseguito 4 brani tra quelli che finiranno sul disco e nella Heavy metal fighters di chiusura del live abbiamo avuto l'onore ed il piacere di avere il "nostro" Andrea Strappetti ospite sul palco. Menzione speciale all'ospitalità dello staff del Fucksia e di Marco Fatini, sempre più un riferimento per iul metal capitolino, anche in termini di stile (accordi con le band chiari sin dall'inizio e adeguata fornitura di cibo e bevande di "qualità").
Ecco una corposa selezione di foto dell'evento (grazie a Renata Trasporti e ad Emauele "Beat Shinobi Takeshi"):








































22 giugno 2018
Poco presenti sui social, molto concentrati sulla musica. Negli ultimi mesi abbiamo lavorato essenzialmente al disco che ora è praticamente finito (siamo ai missaggi finali). Pensavamo di presentarlo il 9 giugno in una occasione speciale organizzata da Marco Fatini, ma non ce l'abbiamo fatta. abbiamo comunque onorato quella data con un buon live di test e che ci ha dato anche la possibilità e l'onore di suonare con gli Ancillotti: grande band! Grandi persone! (e non lo diciamo di tutti). Impossibile condensare in poche righe tutto quello che è successo negli ultimi mesi, quello che va detto è che questo disco ci ha messo veramente alla prova come band, abbiamo lavorato veramente tutti, in perfetta simbiosi con l'amico Fabio Lanciotti e speriamo che i risultati saranno apprezzati anche dal pubblico. Dopo mesi di discussioni (sempre costruttive) ripensamenti, aggiustamenti, idee sul sound e modifiche agli arrangiamenti.. ci voleva proprio una bella vacanza! Ma niente Maldive, il nostro premio è stato il concerto di Ozzy Osbourne a Firenze Rock! EU evento storico che al di là del live per noi è stato particolarmente bello e commovente perchè abbiamo "riassaporato" le emozioni delle nostre trasferte giovanili, organizzandoci il viaggio con gli amici e gustando l'evento in compagnia di molti "metallari" di Roma della nuova e della vecchia guardia.

Metallari a Firenze per omaggiare il grande OZZY OSBOURNE!.. e Zakk Wilde ;-)

Il live di Firenze, che oltre a Ozzy ha visto, ovviamente, la stra-goduta (quanto breve, purtroppo) esibizione dei Judas Priest, per quanto mi riguarda era stato preceduto da quello dei foo Fighters (giovedi sera) che hanno consolidato la mia stima, ma questa primavera a Roma si sono potute vedere anche altre band, cito su tutte i grandi Skid Row e i Flotsam and Jetsam (per i quali hanno aperto i nostri amici Way Out, anche loro freschi di uscita discografica con la Metal zone..). Detto questo, ecco un pò di immagini  del nostro live/soundcheck del 9 giugno al rock n roll garden con gli Ancillotti, scattate da Andrea Becciolini.
Messerschmitt live@rocknroll Garden - 9 6 18

Messerschmitt live@rocknroll Garden - 9 6 18

Messerschmitt live@rocknroll Garden - 9 6 18

Messerschmitt live@rocknroll Garden - 9 6 18

Messerschmitt live@rocknroll Garden - 9 6 18

Messerschmitt live@rocknroll Garden - 9 6 18

Messerschmitt live@rocknroll Garden - 9 6 18

Messerschmitt live@rocknroll Garden - 9 6 18

Messerschmitt live@rocknroll Garden - 9 6 18

Messerschmitt live@rocknroll Garden - 9 6 18

Messerschmitt live@rocknroll Garden - 9 6 18

Messerschmitt live@rocknroll Garden - 9 6 18

Messerschmitt live@rocknroll Garden - 9 6 18

Messerschmitt live@rocknroll Garden - 9 6 18

Messerschmitt live@rocknroll Garden - 9 6 18

Messerschmitt live@rocknroll Garden - 9 6 18

Messerschmitt live@rocknroll Garden - 9 6 18

Messerschmitt live@rocknroll Garden - 9 6 18

Messerschmitt live@rocknroll Garden - 9 6 18

Messerschmitt live@rocknroll Garden - 9 6 18

Messerschmitt live@rocknroll Garden - 9 6 18

Messerschmitt live@rocknroll Garden - 9 6 18
Ed ecco qualche scatto da.. Firenze ROCK 2018!

Judas Priest - Firenze Rock 2018

Ozzy! - Firenze rock 2018


Palco di Ozzy - Firenze Rock 2018



Messerschmitt a Firenze Rock 2018


Ozzy in azione - Firenze Rock 2018

Ozzy in azione - Firenze Rock 2018

Messerschmitt a Firenze Rock 2018

Messerschmitt a Firenze Rock 2018

Ozzy in azione - Firenze Rock 2018



ZAKK WYLDE in azione - Firenze Rock 2018

Messerschmitt a Firenze Rock 2018



Ozzy in azione - Firenze Rock 2018

Ozzy in azione - Firenze Rock 2018

Tornando al disco: penso di poter anticipare la set list definitiva (le copertine sono già in stampa):
Messerschmitt - Raising Hell (Metal Zone 2018)
1) Raising Hell
2) Like watching a new child born
3) Glimpse of shame
4) Born in the slums of Rome
5) Hunter today prey the next day
6) Once again
7) The Final Score
8) Brakeless

Presentazione ufficiale prevista a Roma per ottobre 2018.
Come si legge, l'amico Gianfranco Belisario è "ritornato" ad occuparsi del nostro management e il Cd quindi uscirà sotto la sua etichetta (Metal Zone).
Solo in omaggio a chi ci segue anche su questo blog, in anteprima assoluta, eccovi uno "scorcio" della confezione (e della cover):
 Messerschmitt - Raising hell: rendering del digipack in stampa

Attenzione! .. per ringraziare chi ci segue in modo veramente impagabile anche su questo blog (per gli stalker.. in sostanza).. visto che questa immagine non verrà postata in nessun altra parte sino all'uscita ufficiale del cd.. da oggi a quella data, per tutti quelli che me invieranno questa immagine (presa da qui) con messaggio privato sul mio profilo di  FB (Francesco Riffmachine Ciancaleoni), garantisco uno sconto di 1 euro sull'acquisto del cd!